UN GRAZIE DA NORCIA

pubblicato il 13 apr 2017

Con i fondi raccolti grazie all’aiuto di tutti voi, è stato possibile acquistare una roulotte per una famiglia colpita dal terremoto che ha distrutto le zone del Centro Italia nell’ottobre e novembre del 2016.

In marzo il Presidente della Fondazione Help for Life, Sergio Boccella, è stato a Norcia per consegnare la roulotte a Berardo e alla sua famiglia. Questo il suo racconto:IMG_0905_rid

“Non si sentono voci a Norcia, né passi di persone, nemmeno i rumori che si generano nel vivere quotidiano,  si sente solo il silenzio nato dal terremoto dell’Ottobre dello scorso anno. Arrivando alla piazza del paese dall’unica via percorribile si percepisce l’unica traccia di vita: i vigili del fuoco che mettono in sicurezza i resti della basilica di San Benedetto, il resto del paese è tutta “zona rossa”, alcune case sono crollate e la maggior parte, sebbene ancora in piedi, non sono agibili.

Nelle frazioni vicine il terremoto è stato imprevedibile, alcune casa sono rase al suolo, altre sono scampate alla devastazione, altre ancora sembrano intatte, vicino a una di queste incontriamo Berardo e la sua famiglia.

Ci accolgono con abbracci e con sorrisi sinceri, adesso, dopo mesi in tenda,  dormono finalmente in una roulotte acquistata con i fondi che alcuni benefattori  hanno messo a disposizione attraverso una donazione ad Help For Life.

 La loro casa è ancora in piedi, alcune crepe impercettibili fanno capire che qualcosa è successo: il  terremoto l’ha sollevata e fatta ricadere, nessun danno apparente ma le fondamenta si sono sbriciolate ed ora la casa non è più abitabile. I genitori anziani di Berardo ci raccontano di tutte la volte che la terra si è mossa da queste parti, l’Appennino non è mai stato fermo ma questa volta è stato davvero inclemente, ci raccontano delle notti insonni, della paura che i figli ed i nipoti rimangano intrappolati mentre sono al lavoro, già… il lavoro: alcuni lo hanno perso, molte attività sono ferme e la gente vive con ciò che ha risparmiato negli anni scorsi.

Ci portano a vedere il paesino della moglie di Berardo, tutte le case sono crollate, quelle rimaste in piedi sono squarciate, nulla è recuperabile, solo il vento si aggira tra le rovine, nessun segno di vita.

Rimaniamo con loro per buona parte del giorno ad ascoltare la storia delle loro vite, ci tengono a farci sapere quanto la loro riconoscenza è profonda per quanto la Fondazione ha fatto per loro, avere un tetto sicuro contro il freddo e l’umidità è un bel conforto.

Ci lasciamo con saluti affettuosi e la promessa di vederci ancora, verso sera raggiungiamo il campo gestito dai volontari della Caritas, incontriamo Rinaldo e sua moglie Francesca, da qualche mese portano conforto e generi di prima necessità alle famiglie che hanno perso la casa, dopo le prime settimane di emergenza adesso si dedicano alla costruzione delle casette di legno, molte famiglie vivono ancora nei moduli abitativi  costituiti dai container che si vedono un po’ dappertutto.

Incontriamo a  cena i volontari,  ciascuno  racconta la sua storia, chi viene dalla Macedonia, chi da Malta o dall’Argentina, tutte storie ed esperienze diverse ma tutte che convergono verso un unico grande atto di solidarietà. Grazie a questa solidarietà, ancora una volta, cerchiamo di sconfiggere la sofferenza.”

Sergio Boccella

Presidente di Padova Ospitale e Help for Life

IMG_0942_rid

IMG_0919_rid

IMG_0922_rid

IMG_0925_rid

IMG_0930_rid

IMG_0937_rid

Leave a Reply