Intervista a Carolina Pardo, specializzanda in Kenya

pubblicato il 01 Feb 2017
PADOVA. Carolina Pardo ha 30 anni. Siciliana, ha sempre avuto una grande passione per la Chirurgia Plastica. Nel 2011, dopo la laurea, ha deciso di trasferirsi nel Veneto per frequentare la scuola di specializzazione di Chirurgia Plastica di Padova con sede di frequenza presso l’Ospedale Maggiore di Verona. Per cinque anni si è uccupata di ricostruzione mammaria e di ustionati.

Quest’inverno ha scelto di fare una esperienza di volontario con Help for Life, mettendo la sua professionalità al servizio dell’ospedale di North Kinangop in Kenya all’interno del progetto che prevede lo sviluppo della Chirurgia Plastica.

Carolina Pardo, come è stata l’esperienza che ha fatto in Kenya con Help for Life? 
“La mia esperienza in Kenya è stata entusiasmante e formativa sia dal punto di vista personale sia dal punto di vista umanitario. La gente amabile del luogo mi ha subito messa a mio agio permettendomi di apprezzare ogni piccola sfumatura di quel posto duro, aspro e disincantato dove il tempo scorre lentamente e i colori accesi ne fanno da padrona”.pardo1

Quali sono i principali interventi chirurgici che avete affrontato?
“È stato piacevole e sorprendente potermi occupare di bambini ustionati, di pazienti con esiti da ustioni e traumi da incidenti sul lavoro e della strada.
Insieme al mio collega e amico, il Dr Mario Cherubino, abbiamo eseguito interventi di chirurgia plastica ricostruttiva del volto, degli arti inferiori, ustioni e ulcere”.
 
Cosa le ha lasciato nel cuore l’Africa?
“Il Kenya mi ha donato la curiosità di ricercare una soluzione semplice quando a disposizione non hai né mezzi ne risorse. Il rispetto per culture e modi di lavorare che poco si avvicinano alla mente frettolosa di un occidentale e la grinta per poter rientrare in Italia a completare il mio percorso formativo.
Un grazie speciale al mio “maestro” Prof Bassetto che ha creduto in una semplice ragazza di provincia permettendomi di poter sperimentare il mio talento per la Chirurgia Plastica e un grazie ad Help for life per avermi permesso di “sperimentare”il Kenya!”
 pardo3

Leave a Reply